Un Picnic in Villa

Anche un Picnic può trasformarsi in un piacevole momento di raffinata pace e tranquillità sfruttando le risorse del nostro territorio e permettendoci di evadere per qualche ora dalla nostra confusionaria quotidianità. Le antiche location del territorio toscano ci permettono di rivivere queste esperienze, avvolte nell’aura che le circondano. Un’ottima idea per chi desidera rendere indimenticabile la propria cerimonia con una presentazione all’avanguardia e che rispetti al contempo la tradizionalità del luogo in cui è inserita.

E’ una splendida giornata di Maggio e la Villa, allestita con cura per l’occasione, si staglia davanti a noi in tutta la sua magnificenza.

I nostri musicisti accolgono gli ospiti al loro ingresso in Villa

Al riparo dei raggi del sole, lanterne dai colori pastello ondeggiano delicatamente creando un gioco di altezze ed incorniciando i musicisti che accolgono i nostri ospiti in una sinfonia di violino e violoncello. Sembra quasi di varcare le soglie di una realtà nuova, dove i sensi si esaltano attraverso i colori ed i suoni che si fondono l’uno nell’altro ed i pensieri quotidiani possono finalmente quietarsi lasciando spazio alla piacevolezza.

Nel buffet ritroviamo i sapori ed i profumi tipici del territorio toscano

Poco distante, sotto al centenario faggio screziato, camerieri in divisa servono le prelibatezze preparate per l’occasione, i cui profumi si dipanano nell’aria: il giallo dorato del pane alla curcuma si alterna ai colori delicati dei finger food e a quello più intenso e forte della verdura di stagione adagiata sul tovagliato di lino.

Sulle morbide coperte delicatamente poggiate sull’erba gli ospiti gustano le nostre pietanze, coccolati da enormi cuscini bordò e azzurro polvere. Ritroviamo le stesse tonalità anche sui pancali di legno sbiancato, che per l’occasione sono stati trasformati in piccoli salottini, dove, a piccoli gruppi, gli invitati sempre più numerosi si soffermano a chiacchierare amabilmente.

Uno sguardo su alcune proposte per la mise en place

La scalinata che conduce alla Villa ci invita a scoprirne i segreti: al suo interno, nelle vecchie scuderie, troviamo ad accoglierci il tavolo imperiale ornato di candelabri bronzei ed argento, su cui si avvolgono i verdi viticci dell’edera. Nei calici intarsiati della mise en place si riflettono le fiammelle delle candele avvolte in eleganti flambeau, dando vita ai dettagli, esaltando i tovagliati morbidi gentilmente posati sui piatti di ceramica lucente. Nella sala pervade il profumo delicato delle rose, una morbida carezza che accompagna gli invitati nella loro visita.

In un gioco di altezze e di forme geometriche, ingentilita dal chiarore del legno sbiancato, allestiamo la confettata: nelle cappelliere di vetro ci accolgono leccornie di ogni genere, simili a gioielli al retrogusto di champagne, cioccolato fondente e ricotta, che deliziano i sensi alla sola vista.

Poco distante la stanza delle cerimonie, dove gli sposi celebreranno il loro intimo rito, avvolti dal dolce tremolìo delle candele.

Le ore trascorrono rapidamente ed il parco si avvolge nella romantica penombra che precede la notte. Quasi con rammarico, gli ospiti si salutano e tornano alle loro rispettive quotidianità, conservando il ricordo di una splendida domenica primaverile.

Sei rimasto affascinato da questo prezioso angolo del territorio toscano? Contatta il nostro staff e ti daremo ulteriori informazioni!

Rispondi