Intervista Con La Sposa

INTERVISTA CON LA SPOSA

Il nostro lavoro ci mette continuamente a confronto con un ventaglio infinito di personalità: spose ambiziose e decise, romantiche e delicate, dolci, cocciute, minimal o bon ton. Qualunque siano le loro esigenze, hanno tutte lo stesso sguardo quando si rivolgono a noi in cerca di consiglio: in fondo ai loro occhi si scorge lo scintillìo del desiderio che sta per avverarsi. E’ lo sguardo di chi torna a sognare. Ci siamo allora chieste cosa succeda in questi momenti e perché le nostre spose decidano di rivolgersi ad un Wedding Planner per coltivare quel sogno e prepararsi a vivere il giorno più bello della loro vita. E’ cosi che nasce l’Intervista Con La Sposa..

Buongiorno Sposa! Sei emozionata al pensiero di dover parlare del Tuo giorno?

<Ride> Non so se reggerò il colpo.

Spererei bene di sì. Dopo tanta fatica mi sembrerebbe inopportuno non vivere il giorno che prepariamo da quasi sei mesi ormai..

Eh già. Ommioddio: sono davvero già passati sei mesi???

Proprio parlando di questo, torniamo con la mente a 6 mesi fa… cosa ti ha fatto avvicinare alla figura del Wedding Planner?

Inizialmente credevo di essere molto sicura di ciò che avrei voluto per il mio matrimonio. Credevo di avere le idee ben chiare, fin da piccola mi sono immaginata questo giorno nel minimo dettaglio. Quando poi mi sono ritrovata a tu per tu con l’organizzazione mi sono resa conto di essere entrata in un vortice: d’improvviso mi sono trovata catapultata in un mondo di bomboniere, fiori, tessuti, dettagli di cui io non sospettavo neanche l’esistenza. E sono cominciati i dubbi… vorrò questo o sarà meglio quest’altro? Ho scoperto di non essere così determinata come credevo di essere..

E’ stato allora che hai capito di aver bisogno di una mano?

Decisamente si. Volevo che il mio giorno fosse impeccabile e perfetto. Volevo il meglio per me stessa, per il mio compagno e per tutti gli invitati. Volevo vivere la favola.

Molte Future Spose guardano al Wedding Planner con diffidenza: non hai avuto il timore che, affiancandoti a qualcun altro, venissero stravolte le tue idee?

Confesso: non avrei mai pensato di rivolgermi ad un professionista. Ho sempre pensato che “come avrei organizzato io il mio matrimonio nessuno avrebbe mai potuto farlo”!

Cosa ti ha fatto cambiare idea?

La prima volta ho chiesto informazioni più per curiosità che per reale interesse. Ma è bastata una semplice chiacchierata per rendermi conto che avevo imboccato la strada giusta: non saprei nemmeno dire come sia successo, è stata una questione di empatia. Mi sono sentita capita, coccolata. Sembrava quasi che i miei pensieri confusi potessero essere raccolti ed interpretati nel giusto ordine.  <Ride> Sembrava tutto così semplice all’improvviso!

Beh, è la parte fondamentale del nostro lavoro: aiutare le Spose In Difficoltà! Cosa non può mancare nel matrimonio dei tuoi sogni?

Sicuramente non può mancare l’emozione. Tutto deve sprigionare emozione  e parlare di Noi. Voglio che chi sarà al nostro fianco quel giorno ci viva fino in fondo e condivida anche solo per un istante la felicità che sentiamo.

Hai scelto un tema particolare?

Non amo i matrimoni a tema ma io ed il mio compagno adoriamo la letteratura e la poesia. Il mio matrimonio sarà ricco di citazioni e di ricordi, ripercorrerà le tappe della nostra storia fin dall’inizio. Sarà ricchissimo di dettagli: e questo ve ne do atto, è merito vostro..

Ehm ehm … Cosi ci fai arrossire … un’ultima domanda: spesso ci capita di rimanere in contatto con le nostre Spose anche dopo il matrimonio. Credi che accadrà anche a te?

<Si fa seria>Necessariamente. Non avrei mai pensato che affidandomi a qualcuno si creasse un legame, non solo professionale ma di amicizia vera. Quando vivi delle emozioni forti in compagnia di qualcuno ti senti legato a lui inscindibilmente. Quindi mi sento di dire, senza riserve, che ho trovato ben più di professionisti in questa avventura: psicologi che gestiscono crisi di panico improvviso, personal shopper che ti affiancano nella scelta dell’abito più importante della tua vita, artisti, inventori di sogni..ma soprattutto ho trovato delle persone meravigliose. Davvero. E non azzardatevi a non scriverlo nell’intervista!

Ehi. La Sposa sei tu. Sei tu che devi commuoverti, non noi per carità! Beh, che rimane da dire allora: il più grande degli Auguri per questa Nuova Vita.

Ci vediamo all’altare, io sarò quella vestita di bianco!

Noi saremo quelle vestite di nero, che da lontano ti faranno l’occhiolino e faranno in modo che tutto vada bene. In bocca al lupo, tesoro.

Rispondi