Bridesmaids & Garcons D’Honneur

Photocredits: Pinterest

E’ ormai prassi consolidata anche nel nostro paese quella di rivestire le amiche e gli amici più cari di un ruolo importante durante lo svolgimento del Matrimonio, che li diversifichi dagli altri invitati: così nascono le Damigelle ed i Garcons D’Honneur.

Le Origini

La nascita di queste figure è attribuita ai paesi anglosassoni nell’Ottocento, tuttavia le loro origini sono da ricercare molto più indietro nel tempo; nell’Antica Roma infatti le Damigelle erano rappresentate da giovani donne ancora nubili che avevano il compito di “confondere” gli spiriti maligni che aleggiavano intorno alla sposa nel suo percorso verso l’ara nuziale. Quei passi rappresentavano il passaggio dalla vita di giovane donna a moglie e quindi un momento di estrema fragilità emotiva che rendeva la Sposa facilmente attaccabile dalle forze malvagie. Le Damigelle romane erano almeno dieci ed il loro compito era quello di accompagnare tutte insieme la Sposa verso la sua nuova vita garantendo per la sua incolumità in un momento molto delicato.

Le Damigelle Oggi

Sebbene il compito originario delle Damigelle sia stato ormai dimenticato è sempre più frequente che la Sposa scelga di avere al suo fianco le amiche più care con cui condividere il loro giorno speciale. Questo fenomeno è stato esteso anche in chiave maschile agli amici dello sposo, chiamati Garcons D’Honneur, i quali si occupano non solo di organizzare l’addio al celibato ma prima dell’inizio della cerimonia aiutano lo Sposo nel far accomodare gli altri invitati al loro posto. Diversificare alcune persone “importanti” dagli altri invitati in un giorno così speciale rappresenta un atto di stima, fiducia ed amore: i vostri amici ne saranno entusiasti e ricopriranno il loro “incarico” con orgoglio!

Il Galateo ci parla di…. Ingresso in Chiesa

Il corteo nuziale è aperto dalle Damigelle, che raggiungono il loro posto in fila indiana se sono meno di tre, oppure in coppia se sono più numerose. Ricordate che il Galateo ci insegna che il numero delle damigelle non dovrebbe essere superiore a 10, a meno che non si tratti di matrimoni regali dove in questo caso le Damigelle dovrebbero essere 12 (si, lo sappiamo che il Vostro sarà comunque migliore di un Matrimonio Regale!). Le Damigelle, che precedono i Garcons D’Honneur nel loro ingresso in Chiesa, possono dare inizio al corteo solo una volta che tutti gli invitati hanno già preso posto. A quel punto la cerimonia può avere inizio.

La scelta dell’abito

Ecco un tasto davvero dolente, che ha causato rotture di amicizie ancestrali!!! La domanda fatidica è: Chi ha il compito di scegliere i vestiti delle Damigelle? Abituata ai meravigliosi film hollywoodiani dove le Damigelle, perfettamente coordinate in trucco abito e parrucco, la Sposa Sognante immagina carrellate di foto con le Damigelle disposte a ventaglio attorno a lei ed al suo unico vestito bianco, anche loro vestite di colori e di abiti rigorosamente da lei scelti. Anche in questo caso vale il detto “Tra vere amiche ci si aiuta” quindi sarà cura della Sposa cercare di far sentire le Damigelle a proprio agio negli abiti che sceglieranno insieme: che senso ha intestardirsi su un lungo abito da cocktail giallo limone quando la fisicità delle nostre Damigelle causerebbe solo un senso di disagio? E soprattutto: è possibile mettere d’accordo fino a dieci donne su un modello particolare o su un colore che sarà quello dominante all’interno del Matrimonio? Cerchiamo allora di arrivare al compromesso: proponiamo alle nostre amiche modelli tra loro simili tonalità di colori pastello in gradazione, così che possano avere margine di scelta. Si sentiranno importanti ed appagate e vi ringrazieranno (…e le vostre foto saranno comunque strepitose). I completi indossati dai Garcon d’Honneur causano senz’altro meno problemi: basterà indossare un thigt come lo sposo oppure un mezzo thigt ed aggiungere un tocco di colore con un piccolo fiore all’occhiello per apparire subito perfetti.

Colori ed Accessori

Assolutamente da evitare il bianco! Ricordatevi che non siamo tutte Pippa Middleton e che la Sposa deve emergere tra le altre come la donna più radiosa e splendente dell’intera giornata! Meglio optare per colori pastello quali le tonalità del rosa antico, gli azzurri ed il celeste, i verdi, gli arancioni più tenui. Possono essere usati anche colori forti come il corallo o il bordò, purchè gli abiti siano sobri e conservino un senso di raffinatezza. Pochi gioielli per non appesantire le figure e gli abiti a volte già ingombranti. Un punto luce o dei piccoli orecchini illumineranno a sufficienza il volto. E poi non dimentichiamoci che avrete sempre degli splendidi sorrisi da sfoggiare, dettagli che rappresentano il compito più importante di ogni damigella che si rispetti al matrimonio di una cara amica! Via gli accessori inutili, tra le mani si può comunque portare con grazia un piccolo bouquet che richiami quello della Sposa per colori e forme ma che sia al contempo più discreto, in modo da poter concentrare tutta l’attenzione proprio su di lei nel suo giorno.

 

Questi sono solo alcuni aspetti dell’attenta ricerca e preparazione di Damigelle e Garcons D’Honeur in vista del giorno delle Nozze. Se siete curiosi di saperne di più contattateci e chiariremo ogni dubbio o curiosità. Del resto, a questo serve un Wedding Planner no?

 

 

 

 

 

 

 

Rispondi